Product was successfully added to your shopping cart.
  • Tavolino 769/3 - Alivar Museum - fattorinidesign Tavolino 769/3 - Alivar Museum - fattorinidesign
  • Tavolino 769/3 ambientazione - Alivar Museum - fattorinidesign Tavolino 769/3 ambientazione - Alivar Museum - fattorinidesign
Alivar

Tavolino 769/3

Breve descrizione

Fattorini presenta il tavolino 769/3 con piedistallo in fusione di alluminio laccato. Piano in marmo, o laccato.
Prezzo:
495,00 €

Disponibile in 30 giorni

* Campi obbligatori

Prezzo:
495,00 €

Disponibile in 30 giorni



Per informazioni contattaci al 351.6395702

Scrivici per richiedere preventivo speciale

Richiedi trasporto e montaggio a casa tua

Dettagli

Fattorini presenta il tavolino 769/3 con piedistallo in fusione di alluminio laccato. Piano in marmo, o laccato. Ci sono dei dubbi riguardo alla cronologia della serie dei tavoli e tavolini con piedistallo, ma è certo che le sedie furono sviluppate prima. Eero Saarinen iniziò a disegnare le sedie verso il 1953, mentre sembra che Don Petit, assistente di Saarinen, disse che i primi disegni furono ultimati tra il 1955 e il 1956. Il lavoro a realizzare Alivar Saarinen tavolino TULIP iniziò dopo il 1956 e fu l’ultima serie di mobili disegnati da Saarinen prima della sua morte prematura avvenuta nel 1961. Il gruppo dei mobili con piedistallo fu il tentativo di Saarinen di risolvere il problema del “bassofondo delle gambe” e di eliminare la confusione visiva. Fin dai suoi primi lavori in collaborazione con Eames, Eero Saarinen continuò a lavorare sul problema del “mobile organico”, vale a dire il mobile in una singola forma e unico materiale. Visivamente, il gruppo dei mobili con piedistallo presenta un’unità organica. Comunque, dati i limiti tecnici del periodo, Saarinen non riuscì a fare questa serie con un singolo stampo ed un unico materiale stampato. La base fu fatta in fusione di alluminio poiché la plastica stampata non era sufficientemente resistente per reggere un piano d’appoggio o il peso di una persona seduta. Di conseguenza, da questo punto di vista, Saarinen considerò questo progetto un fallimento. Aveva però la speranza di trovare un giorno un materiale plastico abbastanza forte da poter risolvere il problema senza dover compromettere la bellezza.